IL SEGRETO DELL’UCCELLO ELEFANTE: L’UOMO IN MADAGASCAR GIA’ 10.500 ANNI FA?

Il Madagascar ha – diciamo da sempre – una serie di "capisaldi" per quanto riguarda la sua biogeografia e la sua storia, entrambi peculiari. Uno di questi e’ senza dubbio il fatto che si riteneva che la colonizzazione umana fosse davvero molto recente, valutabile intorno a 2.500-4.000 anni fa. Una bazzecola, considerata la vicinanza dell’isola al continente africano. Sostanzialmente la versione che veniva fornita era quella di una colonizzazione da parte di immigranti indonesiani e malesiani, a cui poi si sono aggiunti degli africani. Cio’ e’ confermato dal fatto che la lingua malagasy e’ di fatto un dialetto del Borneo (dunque austronesiano) e non africano e dall’analisi genetica, che ha rivelato un contributo sostanzialmente analogo fra progenitori asiatici e africani. Secondo paradigma era che, subito dopo la colonizzazione umana, i rappresentanti della megafauna malagasy sarebbero stati portati all’estinzione dalla caccia diretta delle prime popolazioni. Uno di questi, il famoso "uccello elefante" o "uccello rock" descritto da Marco Polo sarebbe stato estinto nell’arco di poche centinaia d’anni, sopravvivendo forse solo fino al Diciassettesimo secolo. Uno studio pubblicato giusto ieri su "Science Advances", che reca fra le sue firme quelle della famosa primatologa Patricia Wright, rimette il tutto in discussione. Il ritrovamento di subfossili di Aepyornis maximus nei pressi del Massiccio dell’Isalo (Sud-Ovest del Madagascar) mostra evidenti tracce di macellazione. Il fatto e’ che queste ossa risalgono ad almeno 10.500 anni fa. Cio’ indicherebbe una predatazione nella colonizzazione del Madagascar. Non e’ ancora dato a sapere chi fossero questi primi colonizzatori, anche se e’ verosimile che possano essere dei proto-africani. Resta quindi da ricercare ancora con maggiore impegno tracce di presenze e colonizzazioni umane riconducibili al periodo indicato. Se cio’ fosse effettivamente confermato bisognerebbe nuovamente identificare i processi di estinzione della megafauna, probabilmente in coabitazione con l’uomo per un periodo piu’ lungo di quanto in precedenza ritenuto.

James Hansford, Patricia C. Wright, Armand Rasoamiaramanana, Ventura R. Pérez, Laurie R. Godfrey, David Errickson, Tim Thompson, Samuel T. Turvey. Early Holocene human presence in Madagascar evidenced by exploitation of avian megafauna. Science Advances, 2018; 4 (9): eaat6925 DOI: 10.1126/sciadv.aat6925

Uno scheletro e l’uovo di uccello elefante, Aepyornis sp.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s